Consigli per te

10 consigli per un barbecue perfetto

1. Iniziamo dal barbecue
Grande, piccolo, in muratura o portatile, a gas, legna o carbonella.
La scelta del barbecue rappresenta il punto di partenza per chiunque voglia cimentarsi in una grigliata. La tipologia del prodotto influisce infatti sul gusto della carne, ma anche sui tempi di cottura. Generalmente, chi ama il gusto della carne alla brace preferisce un barbecue a legna, a carbone e carbonella, chi punta alla praticità si orienta verso soluzioni a gas o elettriche.

 

 2. La scelta della legna
Per i puristi del barbecue en plein air, nulla è meglio di un barbecue fatto con la brace prodotta da legno, meglio ancora se derivata da piante “forti”, come ulivo, frassino e quercia,faggio, pioppo e ciliegio; da evitare i ceppi di pino, abete e larici, di norma più ricchi di resine.
Preferibile in ogni caso utilizzare legna asciutta e secca, non trattata.

 

 3. Carbone o carbonella?
Chi non ha tempo o possibilità di fare una brace partendo da tronchi dilegna, può sempre ricorrere al classico sacco di carbone o carbonella. Anche qui ci sono alcune differenze da considerare: il carbone è il prodotto di combustione di legna bruciata lentamente, è di dimensioni medio-grandi e può bruciare a lungo; la carbonella deriva invece da diversi tipi di legno, in genere di bassa qualità, e si consuma più rapidamente. Non mancano, però, anche in questo caso, le produzioni di qualità: in commercio è possibile trovare sacchi di carbonella prodotta con pezzi di legno di origine controllata, con tanto di certificato di tracciatura.

 

 4. Preparate la brace con un certo anticipo
Il tipo di barbecue e il materiale impiegato per la combustione influenzano i tempi di preparazione. Calcolate una decina di minuti per un barbecue a gas, almeno 45 minuti per uno a carbone/carbonella più di un’ora per quello a legna. Per velocizzare i tempi si può utilizzare un “soffiatore” manuale.

 

 5. La preparazione della carne
La carne si cucina meglio se è a temperatura ambiente. Per questo è consigliabile estrarla dal frigo almeno mezz’ora prima della cottura in griglia. Anche il taglio del macellaio può aiutare: per una grigliata di costine, ad esempio, è possibile lasciare il carré intero per evitare di girare (e perdere) le singole costine, potranno essere comunque tagliate a fine cottura. Evitate infine di pungere la carne con le forchette, sia prima che durante la cottura; il rischio in questo caso è di disperdere gli umori che donano morbidezza. Meglio dotarsi di una paletta o di un’apposita pinza per barbecue.

 

 6. Non solo carne
La carne è considerata la regina della grigliata, ma nel barbecue si può cucinare di tutto:verdure, pesce, formaggio, persino frutta. A cambiare sono soprattutto i tempi di cottura: il pesce cuoce generalmente più in fretta della carne, per le verdure tutto dipende dal taglio dei pezzi; il consiglio, in ogni caso, è di effettuare un taglio uniforme.

 

 7. Occhio al calore
 Per un barbecue eccellente è importante curare il calore. Evitate perciò la fiamma viva, che di solito si concentra laddove ci sono pezzi troppo grossi di carbone o carbonella; regolate l’altezza della piastra (quasi tutti i barbecue dispongono di diverse scanalatura); dotatevi all’occorrenza di una pietra refrattaria, un accessorio che permette di distribuire il calore in modo uniforme evitando le bruciature.

 

8. Gli aromi
Non solo olio e sale. Per insaporire le carni (ma anche il pesce e le verdure) si possono usare le foglie di molte piante officinali e aromatiche o i vari preparati misti disponibili in commercio.
Si può effettuare una marinatura preventiva con un composto a base di olio, sale, limone (o aceto balsamico) e rosmarino oppure decidere di aromatizzare la carne in fase di cottura aiutandosi con un rametto di rosmarino o una metà di un limone spremuto per spennellare la carne. Per dare ancora più aroma è possibile bruciare qualche rametto di rosmarino o qualche foglia di alloro direttamente nella brace o utilizzare degli appositi bastoncini aromatici.

 

9. L’importanza dei tempi di cottura
I tempi di cottura sono influenzati da due aspetti in particolare: la temperatura delle braci e la tipologia e le dimensioni degli alimenti da grigliare. In generale gli alimenti di grossedimensioni devono essere cotti più lentamente, quelli più piccoli richiedono meno tempo. In ogni caso occorre sempre controllare a vista la cottura su ambo i lati: maggiore sarà l’attenzione del fuochista, migliore sarà il risultato.

 

10. La pulizia
La parte meno piacevole del barbecue è quella che riguarda la pulizia finale. A fine barbecue, la griglia è sporca di residui di cibo bruciato, grasso e altri residui di combustione.
Con qualche accorgimento è però possibile sveltire le operazioni. Lasciate per prima cosa che la griglia si raffreddi, quindi eliminate l’unto e le particelle grossolane con un foglio di
giornale e, successivamente, una spazzola dura (è sufficiente una spazzola di sagina ruvida).
In ultimo passate la griglia con dello sgrassatore di Marsiglia o una soluzione a base di acqua calda e aceto strofinando con una spugnetta ruvida o – nei casi di sporco ostinato – con una paglietta di ferro.

 

Sunday One
Ferraboli Skewer Cooker
Dolcevita Barbecues Turbo
Coro BBQ 02
Campingaz Bonesco
Dolcevita Barbecues Beefmaster

Articoli Correlati

  • Viola, nero e arancio non sono solo i colori di Halloween, ma anche tre delle tinte più apprezzate da chi cerca oggetti di design e arredo di forte personalità. Mobili, complementi d’arredo ed elettrodomestici: non c’è oggetto, ormai, che sfugga alla tentazione delle cromìe “dark”. Ne abbiamo scelti una dozzina,…
  • La casa in inverno si arricchisce di dettagli caldi e preziosi. Abbiamo pensato a 7 proposte di design che potranno aiutarti a trasformare l’ambiente e renderlo magico e suggestivo.   Eleganti trasparenze Kartell Jellies Family - Realizzati con un brillante materiale, trasparente, colorato e antigraffio. La particolarità della linea Jellies…
  • I ritmi sempre più forsennati dei nostri giorni ci costringono a cercare nelle nuove tecnologie un prezioso alleato per guadagnare tempo. Lo dimostra il successo che stanno riscuotendo le asciugatrici. Il principio è noto: dietro a quella che a primo acchito sembra una normale lavatrice si nasconde in realtà un…