Consigli per te Elettrodomestici

Piani a induzione: 5 miti da sfatare!

È l’innovazione più richiesta dagli amanti della cucina tecnologica: il piano cottura a induzione piace per il suo design pulito e per gli indiscutibili vantaggi che offre per ciò che riguarda il controllo accurato della temperatura. C’è tuttavia una frangia di consumatori che resta ancora titubante sulle sue potenzialità. Ad alimentare lo scetticismo sono in molti casi pregiudizi infondati, come vi spieghiamo in questo approfondimento.

Con un piano cottura a induzione è facile scottarsi: falso
L’induzione non scotta. Il calore si genera solo al contatto diretto della pentola con la zona di cottura e non viene trasmesso alla superficie intorno alla zona di cottura. Inoltre i piani ad induzione si disattivano non appena la pentola viene staccata dalla superficie.

Il piano cottura a induzione è più difficile da pulire: falso
Il tipo di vetro con cui sono realizzati i migliori piani di cottura garantisce un’ottima resistenza al calore ed è facile da pulire. Gli eventuali schizzi che finiscono sulla superficie, infatti, non si bruciano e quindi non si rapprendono.

Il piano cottura a induzione è più lento di un fornello a gas: falso
I tempi di cottura su un piano a induzione sono nettamente migliori di qualsiasi sistema alternativo. I dati parlano chiaro: per portare all’ebollizione 2 litri di acqua a temperatura ambiente con l’induzione bastano 4 minuti e 45 secondi (contro gli oltre 8 minuti di un fornello a gas e i 9 minuti di un piano in vetroceramica).

Il piano cottura a induzione spreca molta energia: falso
La tecnologia a induzione magnetica è allo stato attuale la più efficiente in termini di rendimento. Il rapporto fra calore generato e quello disperso è del 90% contro il 40% circa di una cucina a gas e il 48% di un piano cottura in vetroceramica.

Per un piano cottura a induzione non è sufficiente un contratto di fornitura da 3 Kw: falso
I modelli più recenti dispongono di sistemi per la limitazione automatica dell’assorbimento. Ciò significa che a meno di un utilizzo in contemporanea con altri apparecchi ed elettrodomestici
elettrici (forno, condizionatore, lavatrice, aspirapolvere computer), il piano cottura a induzione non è di per sé sufficiente a far saltare un contatore da 3 KW.

smeg
SMEG SI322B
Hotpoint-Ariston KIC 740 B IT
Bosch PIC645F17E
Barazza Lab 1PLB3IDN