Abbattitore
Elettrodomestici

Cos’è un abbattitore (e perché è così importante in cucina)

Forse non tutti sanno che esiste un modo più veloce, ma anche più sicuro ed efficiente del freezer per conservare gli alimenti. È quello offerto dall’abbattitore di temperatura, uno strumento nato originariamente per raffreddare gli alimenti in modo rapido, ma che col passare del tempo si è arricchito di una serie di funzioni accessorie. Tanto da diventare un vero punto fermo delle migliori cucine professionali.

Qui di seguito vi spieghiamo tutto quello che è possibile fare con un abbattitore domestico.

Raffreddare rapidamente

Il raffreddamento a temperatura ambiente di un alimento cotto comporta la perdita di vitamine e sali minerali compromettendo la qualità di ciò che cucini. È proprio nella fascia di temperatura compresa fra +65°C e +10°C che i batteri trovano le condizioni ideali per proliferare.  L’utilizzo di un abbattitore di temperatura risolve il problema alla radice. Il raffreddamento rapido a +3°C di un alimento appena cotto allunga notevolmente il periodo di conservazione,sino al 70%, mantenendo intatta la qualità originaria. Anche a distanza di giorni la morbidezza e la fragranza dei cibi sarà la stessa; proteine, vitamine e sali minerali saranno preservate.

Surgelare

Surgelare e congelare non sono sinonimi. Nel processo di surgelazione la temperatura di un alimento diminuisce a -18°C in tempi rapidissimi, grazie alla temperatura dell’aria che scende fino a -40°C. L’acqua all’interno delle singole cellule gela rapidamente formando microcristalli di ghiaccio. Al momento dello scongelamento non ci saranno perdite di liquidi e le condizioni originarie dell’alimento saranno mantenute. Nel caso del congelamento con il freezer tradizionale il raffreddamento è molto lento e l’acqua all’interno delle cellule dell’alimento ghiacciano formando dei macrocristalli che lacerano le fibre. Il prodotto scongelato perderà molti liquidi, vitamine e nutrienti e la qualità sarà irrimediabilmente persa

Eliminare l’Anisakis

Mangiare sushi e, più in generale pesce crudo, è un’abitudine sempre più in voga, anche in casa. Esistono però dei rischi legati alla contaminazione da Anisakis, un parassita pericoloso per la salute che solo la cottura prolungata o le basse temperature possono eliminare. Con la surgelazione e la conservazione a -20°C per almeno 24 ore effettuata da un abbattitore, ogni rischio scompare. È possibile surgelare il pesce fresco a -40°C, conservarlo in freezer una giornata e gustarlo in tutta sicurezza.

Decongelare

Il decongelamento di pesce e carne crudi è uno dei processi più lenti e delicati che si affrontano in cucina e, molto spesso, non avviene in sicurezza. Utilizzare l’acqua corrente è sconsigliato per motivi sanitari; il microonde, come scorciatoia per risparmiare tempo, è una pessima soluzione perché cuoce il prodotto e ne altera la parte proteica: la qualità sarà inevitabilmente compromessa. La funzione decongelamento dell’ abbattitore domestico permette di evitare ogni rischio e danno all’alimento e con velocità decisamente superiori rispetto a quelle di un normale frigorifero.

Aiutare lo svezzamento dei più piccoli

La frutta e la verdura non devono mancare nell’alimentazione di un bambino, fin dallo svezzamento. Ricorrere agli omogenizzati industriali non è però il modo migliore di garantire il corretto apporto di sali minerali e vitamine. Meglio utilizzare il prodotto fresco, magari “abbattuto” dopo la cottura per aumentarne i tempi di conservazione. Il procedimento è semplice: è sufficiente selezionare i migliori prodotti di stagione, cucinarli, dividerli in singole porzioni e quindi raffreddarli rapidamente o surgelarli con l’abbattitore. La porzione così ottenuta potrà essere conservata nel congelatore, garantendo una scorta per i mesi a venire, sana e naturale al 100%.